fbpx
razionalizzazione periodica delle partecipazioni pubbliche

I rilievi della struttura di monitoraggio del MEF agli enti pubblici

Il Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica ha imposto agli enti pubblici di effettuare annualmente un’analisi delle proprie partecipazioni societarie e di predisporre un piano di riassetto per la loro razionalizzazione, fusione o soppressione, da rendere disponibile, tramite il caricamento sull’applicativo “Partecipazioni” del Portale del Dipartimento del Tesoro, alla Struttura appositamente istituita presso il Ministero dell’economia e delle finanze per il controllo e il monitoraggio sull’attuazione del decreto.

Tale Struttura, acquisiti tali dati, sta procedendo a contestare alle Amministrazioni Pubbliche, segnatamente Comuni, profili di violazione delle norme del TUSP, contestando l’omesso avvio della procedura di razionalizzazione delle partecipazioni.

In particolare la Struttura sta rilevando che le partecipazioni sono indebitamente detenute in quanto:

  • non strettamente necessarie per il perseguimento delle finalità istituzionali degli enti soci [art. 4, comma 1, lett. b)];
  • non rientranti nelle categorie di cui all’art. 4 [art. 20, comma 2, lett. a)];
  • le società sono prive di dipendenti o hanno, comunque, un numero di dipendenti inferiore a quello degli amministratori [art. 20, comma 2, lett. b)];
  • le società hanno conseguito, nel triennio precedente, un fatturato medio non superiore a 500 mila euro [art. 20, comma 2, lett. d), limite ridotto, per i trienni 2015-2017 e 2016- 2018, rispetto a quello di un milione di euro].

A fronte di questi rilievi le amministrazioni pubbliche sono chiamate ad esprimere le proprie considerazioni in replica ai sollevati profili di mancata conformità; in caso di inerzia, potrebbe attivarsi immediatamente anche la Corte dei Conti, in sede di controllo.

I professionisti di “Appalti e Società Pubbliche” possono assistere gli Enti locali e le società pubbliche nella redazione della replica ai rilievi sollevati dalla Struttura di monitoraggio del MEF, fornendo l’assistenza legale necessaria.

Condividi su:

Lascia un commento

Tutti i campi contrassegnati con un asterisco (*) sono obbligatori